« La discussione dal blog di Nicola Mattina | Principale | Un'identità grafica per RomeCamp 2008 »

martedì 8 luglio 2008

Commenti

Feed Puoi seguire questa conversazione iscrivendoti al feed dei commenti a questo post.

Alberto D'Ottavi

si. tanto per iniziare chiarirei ben in evidenza (es tra le statiche in alto a dx) quale sia il link corretto a cui iscriversi (romecamp? demcamp? bohcamp :), e magari farei un reference degli altri indirizzi collegati, così, appunto, per reference :)

ciau neh

MademoiselleAnne

Io invece sceglierei un tema come filo conduttore e da lì cercherei di esplorare i vari argomenti correlati spaziando il più possibile e dando modo a tutti di raccontare e raccontarsi...
ciao...

Stefano

Anch'io credo che la scelta di un filo conduttore permetta di evitare interventi troppo disomogenei tra loro. Non mi aspetto tuttavia un tema troppo stringente (che so, il microblogging), ma comunque un tema capace di inquadrare uno scenario, al cui interno potranno svilupparsi vari interventi, anche di natura diversa, ma racchiusi entro lo stesso macro-tema.

Per quanto riguarda invece la possibile sede, ho letto che alcuni proponevano una sede universitaria. A mio parere la sede universitaria, se da una parte favorirebbe l'istituzionalità dell'incontro, dall'altra rischierebbe di toglierne un po' di informalità. E poi credo sia molto difficile trovare una sede universitaria con un wi-fi open che non obblighi alla pre-registrazione. Per esempio, il recente caso TechGarage-LUISS per quanto concerne il wi-fi non ha funzionato molto bene.

Raffaele Pignataro

Sono daccordo sulla scelta di un tema o di un filo conduttore, ma manterrei comunque una piccola flessibilità perchè ci potrebbero essere come sempre dei tempi che superano di poco il confine impostato ma che potrebbero comunque essere interessanti nell'aspetto globale della discussione.

svaroschi

Beh, l'idea di un tema più circoscritto - e magari un lavoro più operativo, tipo il recente Bookcamp di Rimini - potrebbero essere una buona strada.

Quale potrebbe essere un buon filo conduttore, dunque?

I commenti per questa nota sono chiusi.